Altra Idea di Città si costituisce: Cerqueti e Talevi co-presidenti

Vinicio Cerqueti e Patrizia Talevi sono i co-presidenti di Altra Idea di Città, il movimento civico politico, votato dal 6,7% degli anconetani alle ultime elezioni comunali, che sabato si è costituito in associazione al Circolo Operaio Germontari di Ancona.
Al termine di un’assemblea in cui sono stati letti e approvati in forma definitiva Statuto e Regolamento dell’associazione, il movimento ha nominato i suoi organi di rappresentanza. L’assemblea ha scelto all’unanimità, per la co-presidenza, Cerqueti, dirigente scolastico dell’Istituto Podesti Calzecchi Onesti, e Talevi, docente a contratto in Fisioterapia all’Università Politecnica delle Marche. Ad affiancarli sarà un coordinamento composto da molti dei candidati di Altra Idea di Città alle elezioni comunali: Loretta Boni, Edelvais Cesaretti, Manuela Corvi, Matteo Di Stasi, Loredana Galano, Lidia Mangani, Alessio Moglie, Luca Paciello, Barbara Paradiso, Giuseppe Postacchini, Marta Rossini. Garanti del movimento saranno Margherita Baldoni, Giancarlo Centanni, Paolo Tommassoni e Donatella Campanella.
Ora il movimento potrà sostenere, in maniera strutturata, lavoro del consigliere comunale di Altra Idea di Città, avvocato Francesco Rubini, membro di diritto del coordinamento, e si radicherà nel territorio, a partire dalla costituzione di gruppi di cittadini per la gestione dei Consigli territoriali di partecipazione, che prenderanno il posto dei Quartieri.
A guidare le azioni del movimento, che si ispira ai valori universali di uguaglianza, emancipazione e liberazione, saranno le sue finalità, on particolare l’attuazione dei principi costituzionali per una società democratica e partecipativa, laica, antifascista, nonviolenta e solidale.
Per realizzare queste finalità, con l’obiettivo del cambiamento della città, Altra Idea di Città realizzerà attività di studio, proposte culturali e di formazione, attività informative, partecipative e propositive finalizzate anche all’avvicinamento del rapporto tra il consiglio comunale e la cittadinanza, iniziative di raccolta fondi, iniziative presso i quartieri con metodi partecipativi, campagne politiche e partecipando direttamente alle consultazioni elettorali comunali.

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *