Partecipazione alla Manifestazione del 24 Aprile

Altra Idea di Città Ancona, nella persona del suo candidato sindaco e dei candidati al Consiglio Comunale, prenderà parte alla Manifestazione “Giù le mani dalla Sanità Pubblica” indetta dal Comitato “145? No Grazie” il 24 Aprile alle ore 10.00 sotto il Palazzo della Regione. Partecipare è un nostro dovere a tutela della sanità pubblica che la Regione con la legge 145 vuole ulteriormente danneggiare. Siamo contro ogni sorta di privatizzazione e prelazione in materia, compreso il cosiddetto “Modello Lombardia”, visione totalmente aziendalistica, che concepisce la sanità pubblica come un costo da abbattere venendo meno alla legislazione del 1978. Altra Idea di Città si batterà a tutela di un bene
inalienabile per tutti i cittadini, appoggiando con la nostra presenza le iniziative del comitato “145?NoGrazie”.
Non subiremo passivi l’ennesimo tentativo da parte della Giunta Regionale di una privatizzazione “mascherata” verso la nostra sanità pubblica.

Ufficio Stampa Altra Idea di Città.

UNA SETTIMANA DELLA DONNA NON BASTA

A proposito della settimana della salute della Donna (iniziativa importante) che si celebra ogni anno anche ad Ancona , all’ospedale regionale di Torrette, UNA SETTIMANA NON BASTA.
Troppe donne vivono una situazione di precariato sotto tanti punti di vista , lavorativo , emotivo, sanitario, economico, familiare.

La realtà è che la differenza di genere costtuisce, ancora nel 2018, un fattore che ostacola l’accesso alle libertà reali. La forte presenza nella vita sociale da parte delle donne ha costituito invece un fattore di sviluppo determinante per la comunità. La piena partecipazione è un obiettivo ancora da raggiungere e strategico per lo sviluppo della qualità della vita sociale.
Sono necessari potenziamenti dei servizi sociosanitari, che seguano la donna in adolescenza, nelle situazioni familiari e sociali difficili, e dalla gravidanza in poi nel percorso di vita e nella difficile ‘arte’ della genitorialita’. Servizi che tutelino la donna nelle sue scelte ( la legge 194 non è una strage di stato come si è vergognosamente letto su qualche muro, ma un DIRITTO INALIENABILE delle donne ), che tutelino la sua salute e non solo fisica.

Relazioni familiari, Consultori, Centri per le famiglie, Interventi a sostegno della conciliazione e armonizzazione dei tempi di vita e di lavoro, centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne maltrattate, lotta alla tratta, allo sfruttamento e alla riduzione in schiavitù, la prevenzione socio-sanitaria , le Unità di strada, i programmi di screening oncologico e di informazione e consulenza su diabete, problemi cardiovascolari , endocrinologici.
Va fatto un lavoro puntuale e preciso sul territorio comunale .
Se veramente si vuole tutelare la salute della donna , ci vogliono più servizi socio sanitari e di migliore qualità…e non i continui tagli di questi anni. L’impegno di Altra Idea di Città va in questa direzione.

Manuela Corvi.

Comunicato: Giù le mani dalla sanità pubblica

Questa mattina il candidato sindaco per Altra Idea di Città Francesco Rubini ha partecipato al Sit-in sotto il Palazzo della Regione per manifestare contro la privatizzazione della Sanità Pubblica.

Questa manifestazione, spontanea di cittadini, aveva come obiettivo la contestazione alle Legge 145, fortemente voluta dal Presidente Ceriscioli e dalla maggioranza PD, con chiaro intento di privatizzare la sanità regionale.

La suddetta legge prevede l’affidamento e la gestione di servizi pubblici da parte di strutture private finanziate da imprenditori e multinazionali.

Altra Idea di Città condanna fortemente ogni sorta di privatizzazione, ponendo questa battaglia al centro del proprio programma, promettendo azioni forti una volta al governo della nostra città.

Ufficio Stampa Altra Idea di Città.